Davide, la soluzione per il monitoraggio dei consumi energetici
Davide, la soluzione per il monitoraggio dei consumi energetici

Con l’arrivo del 2019, sono trascorsi quattro anni dall’entrata in vigore del D.Lgs. 102/2014. Questo significa che, in base all’art. 8, entro il 5 dicembre grandi società e aziende energivore saranno chiamate a effettuare per legge la diagnosi energetica. Un adempimento che, al di là dell’obbligo normativo, potrebbe tornare utile a qualsiasi tipologia di azienda, a prescindere dalla dimensione e dai consumi, perché servirebbe a innescare un circolo virtuoso di efficientamento e risparmio con ricadute positive sull’intero business. Davide, la piattaforma hardware IoT multifunzione sviluppata da Inspiring Software, è uno degli strumenti più avanzati oggi presenti sul mercato con il quale non solo è possibile svolgere una corretta e approfondita diagnosi energetica, ma anche implementare un sistema efficace di monitoraggio dei consumi.

Le caratteristiche generali di Davide

Questo piccolo gioiello tecnologico di telemetria permette di creare reti (wireless, wired e miste) complesse ai fini dell’acquisizione, elaborazione e trasporto dei dati. Il suo utilizzo si presta a molteplici tipi di connettività, nonché a protocolli di comunicazione e a interfacce verso software capaci di trasformare i dati in informazioni e, quindi, in valore. Infatti, i dati provenienti da sensori o altri apparati IoT (Internet of Things) possono essere aggregati e analizzati, assolvendo a funzioni predittive nel momento in cui sono associati a tool di sviluppo e modellazione.

In tal senso, sono molte le identità che Davide può assumere, anche grazie alla sua struttura modulare: Meter trifase, I/O, Gateway, concentratore dati, nodo di propagazione, datalogger. La sua duttilità lo rende aggiornabile da remoto con nuove caratteristiche che si adattano alle specifiche esigenze dell’azienda senza limiti di settore. Sono diversi, infatti, gli ambiti nei quali può trovare impiego: dall’industria al terziario, dalle utility ai trasporti, fino all’agroalimentare.

Il modulo Energy Meter e le sonde amperometriche

Grazie al modulo funzione Energy Meter, la piattaforma consente sia di misurare il consumo di energia elettrica sia di condurre un’analisi qualitativa della rete, individuando eventuali dispersioni e sprechi. L’apparecchio è in grado di acquisire più di 50 grandezze senza che la sua installazione richieda un intervento invasivo sull’infrastruttura. Questo perché Davide si interfaccia con la rete elettrica grazie alle sonde amperometriche Rogowski, dispositivi elettrici per la misurazione di correnti alternate e di tipo impulsivo. Si tratta di un filo conduttore avvolto tramite un supporto flessibile fatto di materiale non ferroso. Il che gli conferisce un valore di induttanza molto basso, rendendolo particolarmente adeguato a misure precise di correnti che variano nel tempo, anche ad altissime frequenze. Le sonde hanno la forma di un solenoide, con una delle due estremità libere, in maniera tale da poter essere avvolte facilmente attorno al conduttore elettrico su cui si vuole concentrare la misurazione. E, soprattutto, in maniera tale da non dover costringere l’azienda a un fermo macchina che, in caso di linea produttiva, coinciderebbe con perdite ingenti.

L’utilizzo dei dati negli applicativi software

Tutto ciò che Davide rileva tramite le sue sonde viene poi convogliato all’interno di applicativi software che coprono l’intero percorso di efficientamento energetico di uno o più asset (impianti, edifici, macchine e sistemi). Solitamente, detti applicativi si avvalgono di modelli energetici, vale a dire di strumenti diagnostici statistico/matematici in grado di prevedere il consumo atteso di ciascun asset in ogni condizione operativa. In questo modo sarà possibile:

  • raccogliere e analizzare i dati energetici;
  • elaborare modelli predittivi sulla base dello storico e delle tendenze di consumo;
  • adottare appositi indicatori KPI (Key Performance Indicator);
  • pianificare gli interventi idonei di efficientamento;
  • agganciare i risultati al controllo del budget;
  • gestire la documentazione e le procedure di compliance alla norma ISO 50001.

Davide si candida così a svolgere un ruolo chiave di Modeling and Control a supporto di campagne di misurazione fissa, necessarie affinché il ciclo di miglioramento del profilo energetico sia costante e senza soluzione di continuità. Oltre la mera diagnosi, per quanto dettata dal legislatore come onere a carico di alcune imprese, oggi più che mai le organizzazioni possono solo avvantaggiarsi da un percorso di monitoraggio, controllo ed efficientamento dell’energia.

New call-to-action